Attività

Il Monte Bianco: il paradiso del freeride

Itinerari in neve fresca o su ghiacciaio per gli amanti della libertà

Freeriders da tutto il mondo vengono sul Monte Bianco per vivere una giornata all’insegna dell’adrenalina e del divertimento, in discese ogni volta diverse, godendo di un panorama incomparabile.

Tutti possono avvicinarsi all’attività del freeride, se in possesso di una buona preparazione tecnica e del materiale obbligatorio quale ARTVA, pala e sonda.
È importante ricordare che gli itinerari non sono né segnalati né battuti e che ci si trova in ambiente di alta montagna. È bene avvalersi della professionalità di una guida alpina.

Per chi non li conoscesse, ecco alcuni tra gli itinerari più conosciuti dagli appassionati di freeride.

IL GHIACCIAIO DEL TOULA

È caratterizzato da oltre 2.000 metri di dislivello. L’ampio comprensorio e le molteplici varianti rendono unico questo fuoripista tutto italiano.

Da Punta Helbronner è possibile giungere fino al Pavillon/The Mountain o, neve permettendo, fino all’imbocco del Traforo del Monte Bianco.

Il percorso è adatto solo per gli sciatori esperti.
 

Scopri di più su Ghiacciaio del Toula

IL FUORIPISTA DEI MARBRÉES

Questa discesa emozionante parte da Punta Helbronner in direzione del Dente del Gigante, raggiunge il Colle dei Marbrées e arriva in Val Ferret, fino ai prati di Rochefort.

Il percorso è adatto solo per gli sciatori molto esperti.

I BOSCHI DEL PAVILLON

Dalla stazione intermedia si ha accesso ad innumerevoli discese in neve fresca nei boschi del Mont Fréty fino a raggiungere l’abitato di La Palud.

Credit foto: Andrey Britanishskiy
Credit foto: Andrey Britanishskiy
Credit foto: Andrey Britanishskiy
Credit foto: Andrey Britanishskiy
Credit foto: Andrey Britanishskiy
Credit foto: Arthur Ghillini
Credit foto: Arthur Ghillini